Genocidio

Genocidio
una parola terribile
una violenza inaudita.
Si era macchiato di crimini indicibili.
I suoi erano stati fermati.
Lui
era riuscito a fuggire.
Nessuno riusciva a trovarlo,
ma molti sostenevano:
«non vogliono trovarlo.»
Poi
qualcosa è cambiato,
il paese è cambiato,
il governo è cambiato.
Doveva essere fatta giustizia.
Ma lui dov’era?
Non era scappato.
Era lì,
in mezzo a loro,
viveva tra loro.
Era nascosto,
ma solo da una barba bianca,
trincerato dietro un’identità finta,
un lavoro…
No,
questo non era finto.
Medico!
Una presa in giro?
Purtroppo no.
La realtà.
Ora è in carcere.
Dovrà subire un processo,
perché un’intera nazione
da troppi anni lo aspetta.
Ma soprattutto perché
i parenti delle vittime
pretendono giustizia.

Annunci

Tag:, , ,

3 responses to “Genocidio”

  1. Annamaria says :

    Complimenti per la poesia! Versi molto esplicativi
    su di una bestia umana che finalmente è stata catturata. Sono commossa dai versi che hai saputo comporre in così breve tempo. Un saluto,
    Annamaria.

  2. Chiara says :

    Grazie Annamaria. Ci sono avvenimenti, situazioni, che mi colpiscono e mi chiedono di scrivere qualcosa. È un qualcosa che urla dall’interno e deve essere scritta, non importa la forma che scelgo, l’importante è scrivere.
    Non so se si possa considerare una bella poesia, ma mi è venuta di getto, senza doverci pensare molto.

  3. enpi says :

    la parola genocidio è “nuovissima”.
    è una parola – sì – del novecento.
    e.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: