Viaggio nell’industria della lettura

Pare che ogni giorno vengano pubblicati 170 nuovi libri, che non riescono e – soprattutto – non possono restare in libreria tanto tempo, perché ogni giorno la storia si ripete. Non è solo una questione di spazio fisico delle librerie, che pure esiste come problema, ma c’è anche la supremazia dei soliti giganti dell’editoria che monopolizzano vetrine e scaffali lasciando ben poco spazio, quando addirittura nulla, agli altri editori, che sono una miriade.

Leggete questo interessantissimo articolo a firma di Antonella Fiori su L’Espresso.

Tag:, , , , , ,

4 responses to “Viaggio nell’industria della lettura”

  1. Michele Nigro says :

    Uno dei risvolti paradossali dell’alfabetizzazione, unito al predominio dei “maschi alfa” dell’editoria… Soluzione? Diventare “autori immergenti” oppure aprire un blog!🙂
    http://michelenigro.wordpress.com/2011/02/22/lautore-immergente-2/
    Ben ritrovata Chiara!
    Michele.

  2. literaid says :

    Grazie per la segnalazione. Mary

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: