“La sconosciuta del lago” di Nicola Verde

In libreria il nuovo romanzo di Nicola Verde, “La sconosciuta del lago” per i tipi di Hobby & Work. Si tratta della quarta fatica, per quanto riguarda i romanzi, dello scrittore romano.
Una vicenda dagli aspetti torbidi e inquietanti ambientata a Roma e dintorni nel 1955 e che prende spunto da un fattaccio di cronaca accaduto realmente proprio quell’anno: la decapitata di Castelgandolfo. E “brutto sporco e cattivo” è il commissario che se ne occupa. Pieno di pregiudizi e di complessi, un uomo nato “storto”, sessualmente represso, (e la sessualità è il perno attorno al quale ruota l’intera vicenda), ossessionato da un soprannome che lo perseguita: “Mezzacanna“, affibbiatogli non si sa da chi né perché.
La vittima non è da meno, pure lei ha la sua storia “storta” da raccontare e lo fa lei stessa. Un paradosso letterario. Anche chi le è stato vicino racconterà quella storia: il patrigno, la madre, la sorella e le sue amiche. Ognuno con la sua parte di verità e di menzogna. Perché, come recita il risvolto di copertina, questo è un romanzo dalle molte menzogne e dalle poche verità. Nessuno è esente da colpe, ciascuno ha il suo lato oscuro di cui vergognarsi e da nascondere. Proprio come spesso capita nella realtà.

Tag:, , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: