Archivio | Segnalazioni RSS for this section

Pietro Bembo e l’invenzione del libro tascabile

PIETRO BEMBO E L'INVENZIONE DEL RINASCIMENTO

Padova, Palazzo del Monte di Pietà
Piazza Duomo, 14

Dal 29 aprile, la mostra è aperta anche di lunedì: 9.00-19.00
Da lunedì (a partire dal 29 aprile) a giovedì: 9.00-19.00
Venerdì: 9.00-20.00
Sabato: 9.00-21.00
Domenica: 9.00-20.00

Se vivete a Padova, se vi trovate in città per qualche motivo, se volete fare una gita culturale, fino al 19 maggio potete cogliere l’occasione per visitare una mostra molto interessante. Pietro Bembo e l’invenzione del Rinascimento. La mostra riunisce le opere degli artisti che Bembo preferiva, di cui era amico, mentore e talvolta complice. Sono opere che Bembo aveva riunito nella sua casa di Padova dando vita al primo Museo del Rinascimento.

Ciò che affascina della mostra, a mio avviso, è la presenza di libri antichissimi usciti dalla storica tipografia di Aldo Manuzio. C’è addirittura la prima copia stampata della Divina Commedia di Dante Alighieri. Continua a leggere…

Annunci

“The next day” secondo David Bowie

20130405-235822.jpg

C’è qualcuno che si è perso l’uscita del nuovo album del Duca Bianco, al secolo David Bowie? Volete sapere qualcosa di più prima di acquistarlo? Luigi Milani lo ha ascoltato e recensito per il BogMagazine Graphania.

Questo l’inizio della recensione:

Era dall’ormai lontano 2004 che David Bowie aveva fatto perdere le tracce di sé, almeno come cantante. Nel 2006 aveva partecipato da attore al film The Prestige di Christopher Nolan, ma la rockstar sembrava aver abdicato al suo ruolo di musicista eclettico, amatissimo dal pubblico.

L’intera recensione qui.

“Ancient Name” il nuovo eBook di Sandro Battisti

20130403-174831.jpg

La casa editrice La Mela Avvelenata ha pubblicato in questi giorni un nuovo eBook. Si tratta di “Ancient Name“, un racconto immaginifico e sfrenato, dalla penna incantata di uno dei padri del Connettivismo, Sandro “Zoon” Battisti.

Il connestabile Flavius si reca a un party esclusivo, in una villa suburbana posta alla periferia dell’Impero Connettivo, là dove anticamente era situata la capitale dell’Impero Romano.

La festa è di quelle particolari, il potere è misurato con le regalie sessuali di splendide postumane. La vertigine del sesso quantico irrompe nel mondo imperiale connettivo, e cosa riemerge dal passato? Cosa significa ciò che accade in quel luogo, visto che l’Impero Connettivo affonda i suoi domini sullo spazio, sul tempo, e quindi sulle illusioni massime?

Un antico nome riemerge dall’oblio…

“Le Megere” di Simone Lega

20130330-125407.jpg

È uscito un nuovo racconto di Simone Lega, “Le Megere” per la collana eTales della Graphe.it. Ne da notizia la casa editrice pubblicando un’interessante intervista sul BlogMagazine GraphoMania.

“Tutto il resto è noia” senza te. Addio Califfo

20130330-221309.jpg

Non ho ancora metabolizzato la scomparsa di Enzo Jannacci che questa sera, quasi mi strozzo con la cena leggendo l’ULTIMORA mentre seguo le notizie su RaiNews: ‘È morto Franco Califano“. Non ci posso credere. Il Califfo mi piaceva, mi stava simpatico e le sue canzoni erano e rimarranno sempre meravigliose.

L’avevo conosciuto di persona qualche anno fa. Lavoro in TV e un giorno venne ospite in trasmissione; quell’anno lavoravo a Casa Raiuno, un programma condotto da Massimo Giletti. Mi ricordo che, come lessi il nome sul copione mi attivai subito per poter avere un suo autografo. Nel corso della mattina uno degli autori mi chiese se era possibile gobbare la canzone che avrebbe cantato Califano (avrete capito che faccio la suggeritrice). Io lo guardai male. Era una giornataccia. Non so se l’autore disse qualcosa in merito a Califano, sta di fatto che il gobbo non gli servì. Qualche minuto prima della trasmissione, mentre riordinavo i miei cartelloni sentii una presenza alle mie spalle. Mi girai e mi ritrovai faccia a faccia con il Califfo il quale, con quel suo sorriso un po’ strafottente mi chiese se ero contenta di non aver dovuto gobbare la sua canzone. Imbarazzata, mi sentii arrossire e l’unica cosa che riuscii a dire fu “Grazie!”

50 SFUMATURE DI SCI-FI

20130329-135157.jpg

La Mela Avvelenata Book Press ha annunciato di aver terminato la raccolta dei racconti che comporranno l’antologia “50 SFUMATURE DI SCI-F“.

Tra gli autori ci sono molti scrittori esordienti, ma anche più conosciuti e navigati. Sono molti infatti gli autori Urania che hanno regalato un pezzo artistico a quest’opera.

Insomma, il meglio del meglio della fantascienza italica è quasi pronto per essere letto!

La redazione ha stimato di riuscire a pubblicare l’antologia tra fine maggio/giugno 2013, pronta per essere letta sotto gli ombrelloni al posto di quelle tristi sfumature che tanto impazzano di questi tempi.