Tag Archive | Ciesse Edizioni

Julian Assange: Nemico Pubblico Numero Uno. Recensione e intervista all’autrice

20120718-224229.jpg

È uscita una recensione, corredata da una intervista all’autrice, del saggio pubblicato per i tipi di Ciesse EdizioniJulian Assange: Nemico Pubblico Numero Uno“.

Vi ricordo che il libro è acquistabile per tutto il mese di luglio sul sito dell’editore con uno sconto del 30%.
È disponibile anche la versione in eBook multiformato.

Annunci

Julian Assange… 2000 grazie

20120717-225304.jpg

È uscito da poco più di un mese “Julian Assange: Nemico Pubblico Numero Uno” per i tipi della Ciesse Edizioni e la pagina del saggio ha già totalizzato più di 2000 visualizzazioni. È per me motivo di grande soddisfazione ed è per questo che voglio ringraziare tutti voi per l’attenzione che state prestando al saggio, nella speranza che lo stiate anche acquistando 😉
Sul sito dell’editore potete acquistarlo per tutto il mese di luglio con uno sconto del 30%. non dico altro.

20120717-225432.jpg

Julian Assange: una marea di visualizzazioni

20120711-230334.jpg

Sul sito dell’editore, Ciesse Edizioni, al primo posto per le visualizzazioni, campeggia il libro “Julian Assange: Nemico Pubblico Numero Uno”.
Ringrazio tutti per l’attenzione, spero non vi siate fermati solo alla pagina del libro ma, spinti dalla curiosità, l’abbiate acquistato. Tra l’altro, per tutto il mese di luglio, acquistando direttamente sul sito Ciesse potrete usufruire di uno sconto del 30%.
Cosa state aspettando?

Dal Watergate a WikiLeaks

Ricorre in questi giorni l’anniversario dello scandalo Watergate, esploso  40 anni fa, nel giugno del 1972.
Nel mio saggio uscito in questi giorni per i tipi di Ciesse Edizioni, “Julian Assange: Nemico Pubblico Numero Uno” dedico un breve excursus alla vicenda, da un punto di vista “Assange-centrico”.
Quello che segue è un breve estratto dal capitolo in questione:

[…] Le rivelazioni di WikiLeaks possono vantare un illustre precedente, che ha segnato la storia del moderno giornalismo investigativo: il caso Watergate. […] L’inchiesta giornalistica si giovò soprattutto del contributo informativo di una fonte segreta, la cui identità è rimasta occulta fino al 2005, quando William Mark Felt ammise di essere stato la misteriosa ‘Gola Profonda’.