Tag Archive | Feltrinelli

“Don Vito – Le relazioni segrete tra Stato e mafia nel racconto di un testimone d’eccezione”

Annunci

Kurt Vonnegut, Mattatoio n. 5 o La crociata dei bambini

Mattatoio n. 5 o La crociata dei bambini

A cura di Katia Ciarrocchi

Incontro casualmente Kurt Vonnegut, un giorno ascoltando, in treno, una conversazione tra due studenti.
Mi incuriosisce. Appena arrivata a destinazione, cerco una libreria e trovo del’autore “Mattatoio n.5 o La crociata dei bambini“, credo sia stato il migliore acquisto di quest’anno.
Kurt Vonnegut si definisce “Un umanista libero pensatore“. Di origini tedesche nasce a Indianapolis. Ha vissuto in prima persona la tragedia della guerra; fatto prigioniero durante l’offensiva delle Ardenne e in seguito trasferito in Germania, nella città di Dresda, assistette all’orribile bombardamento alleato che nel febbraio del 1945 rase al suolo la città e causò 135.000 vittime civili. Vonnegut si salvò grazie al fatto che si trovava rinchiuso in una grotta ricavata sotto il mattatoio della città, sotterraneo battezzato «Mattatoio numero 5», in condizioni normali utilizzato per l’immagazzinamento della carne. Per 23 anni Vonnegut ha cercato di descrivere a parole l’orrore di Dresda, episodio traumatizzante, che sarà riportato dall’autore in chiave parzialmente fantascientifica, quasi comica e romanzato nel suo libro più famoso: “Mattatoio n.5 o La crociata dei bambini.
Continua a leggere…

Atomico Dandy, Piersandro Pallavicini

Ho trovato questa recensione, a cura di un amico di questo blog, del romanzo “Atomico Dandy” di Piersandro Pallavicini.

Uno stralcio riguardante la scrittura del romanzo:
“La struttura del romanzo è insolita, molto “semi-spontanea” in certo senso. È costruita per scene, ma mai episodica, e neppure si stressa più di tanto a cercare di vedere cos’essenziale e tagliare cosa non lo è, come tanta letteratura di consumo, anche a livello mondiale, fa (questo pone un problema molto interessante, se cioè esista qualcosa di essenziale in letteratura: se ci limitiamo alla “trama”, molti romanzi, non solo classici, si potrebbero concludere in venti o trenta pagine…)”

Curiosi di leggere l’intera recensione? Cliccate qui.

MilanoNera web press: intervista a Carlo Lucarelli

Vi segnalo un’interessantissima intervista a apparsa Carlo Lucarelli su MilanoNera, la prima rivista gratuita interamente dedicata alla letteratura gialla e noir.

Lucarelli parla del suo ultimo libro “L’Ottava Vibrazione”, edito da Einaudi. Il romanzo nasce da una serie di immagini, una in particolare che Lucarelli sostiene avere avuto dentro la testa per tanto tempo: la bambina che balla a piedi nudi. Sentite cosa racconta:

Poi sono stao a Massaua, proprio per studiare l’ambientazione del libro, e ho visto la stesa scena che per anni ho avuto nella mia mente: la bambina che balla a piedi nudi. […] Ho scoperto un mondo di odori, suoni, caldo appiccicoso, che ho sentito di dover descrivere nel libro. I suoni mi hano appassionato, tutti questi dialetti diversi, dovevo riuscire a farlo percepire anche a chi legge il libro“.

Continua a leggere…