Tag Archive | Graphe.it

“I Lupi di Palermo” raccontati dall’autore Carlo Santi in un’intervista

Sul BlogMagazine GraphoMania potete trovare un’interessante intervista a Carlo Santi dove racconta la sua ultima fatica: “I Lupi di Palermo“.

In questo nuovo romanzo torna in scena il Commissario Alfonsi, protagonista di un altro tuo fortunato romanzo, Delitti al castello, uscito lo scorso anno. Possiamo considerare I lupi di Palermo una sorta di prequel a quel libro?Direi di sì! I lupi di Palermo è, di fatto, il prequel di Delitti al castello, infatti il commissario Matteo Alfonsi è lo stesso protagonista che troviamo in entrambi i romanzi. Mentre Delitti al castello è ambientato ai giorni nostri, ne I Lupi di Palermo narro la storia di un Alfonsi giovanissimo quando, nei primi anni ’90, entra da “pivello” a far parte della squadra antimafia di Palermo. Parliamo di vent’anni prima. Tra l’altro, il contesto del nuovo romanzo è inserito in un periodo molto triste per noi tutti, quando la Sicilia, e non solo quella regione, si è trovata in piena guerra di mafia.

L’intera intervista, a firma di Luigi Milani la potete leggere qui.

Annunci

“Le Megere” di Simone Lega

20130330-125407.jpg

È uscito un nuovo racconto di Simone Lega, “Le Megere” per la collana eTales della Graphe.it. Ne da notizia la casa editrice pubblicando un’interessante intervista sul BlogMagazine GraphoMania.

Se lo scrittore famoso…

20120731-233018.jpg

Non so a quanti sia successo, ma vedere ripresa la recensione di un libro sulla bacheca FaceBook dell’autore del libro in questione è una soddisfazione. Se poi lo scrittore non è nemmeno italiano, ma si tratta di uno dei più grandi scrittori americani, Joe R. Lansdale… Beh…

Il libro è “Cielo di sabbia” e la recensione inizia così:

Se improvvisamente vi sembrerà di essere avvolti dalla sabbia rossa dell’Oklahoma, non vi preoccupate è solo immedesimazione nella storia così ben raccontata da Joe R. Lansdale. Non correte alcun rischio… voi lettori.

I rischi li corrono invece i protagonisti del romanzo Cielo di sabbia:

“Già quel vento bastava a gettare a terra un uomo adulto, ma niente era peggio della polvere. Quando era rossa capivo che arrivava dall’Oklahoma, dove stavamo anche noi.”

L’intera recensione la potete leggere qui.

20120731-232913.jpg

Roberto Fantini: “Il cielo dentro di noi” e I colori dei diritti umani

Una doppia presentazione per Roberto Fantini che divide la sua attività tra scrittura e pittura. Il tutto legato da un unico filo conduttore: i diritti umani.

Ecco dove e quando

30 marzo – 1 aprile 2012
I colori dei diritti umani
Galleria Collezione Saman, via Giulia 194/A, Roma

Personale di Roberto Fantini e presentazione del libro Il cielo dentro di noi.

30 marzo
ore 17,30: Inaugurazione della mostra
ore 18,30: I diritti umani secondo Amnesty International. Intervengono Antonio Marchesi e Roberto Fantini

31 marzo
ore 18,30: La tragedia dei desaparecidos argentini. A colloquio con Enrico Calamai

http://www.collezionesaman.it/index.php?centrale=sezioni%2Fmostre%2Findex.php&mostra=56

Il cielo dentro di noi.
Conversazioni sui Diritti Umani (sul mondo che c’è e su quello che verrà)i
Graphe.it Edizioni
http://www.graphe.it/il-cielo-dentro-di-noi

Un racconto ucronico: la nuova uscita della collana eTales

Bianco e Nero, di Stefano Pastor

Stefano Pastor scrive per eTales un racconto ucronico, che affronta però temi quantomai attuali, quali l’intolleranza e il razzismo. In un mondo diverso, dove i Confederati hanno vinto la guerra e governano l’America, in un tempo imprecisato a metà del secolo scorso, due schiavi in fuga, Abraham e sua madre, raggiungono l’Italia. Accolti dal parroco di un piccolo centro, diventano presto un fastidio per la comunità. Il giovane Guglielmo, paralizzato su una sedia a rotelle, si trova a dover insegnare al piccolo Abraham cosa sia la libertà. Ma paura e xenofobia minacciano di distruggere il fragile rapporto che lega i due bambini…

Link per approfondimenti

Stefano PastorBianco e nero

http://www.graphe.it/bianco-e-nero

copertina: http://bit.ly/w9YjsU


Le donne alla conquista di eTales

SU eTALES ARRIVANO LE DONNE

Così titolava ieri un articolo di Davide Longoni su La zona morta.

Sotto un altro cielo” di Chiara Perseghin invece è ambientato in una torrida notte d’estate: il professor Guido Meneghin riceve una telefonata da un personaggio misterioso, Samuele Malpas, che gli offre la direzione dei lavori per il restauro della Cappella degli Scrovegni a Padova. Meneghin accetta, e dai restauri emergerà una sensazionale e pericolosa scoperta…

L’intero articolo lo trovate qui.

“Sotto un altro cielo”: intervista all’autrice

GraphoMania, il blog della casa editrice Graphe.it, ha intervistato l’autrice del racconto “Sotto un altro cielo“, uscito in ebook il 26 novembre. Di seguito un estratto dell’intervista.

Chiara Perseghin è autrice per la collana eTales di Sotto un altro cielo, un racconto ricco di suggestioni, a metà strada tra il thriller e il mistery, che potrebbe piacere ai tanti estimatori di Dan Brown. Le abbiamo rivolto qualche domanda.

Come è nato il tuo racconto, sulla scorta di quali suggestioni?
Cominciamo col dire che sono di origini padovane, ma, come succede a molti, non conosco a fondo le bellezze artistiche della mia città. Un paio di estati fa, durante una mia breve permanenza a Padova, mi sono recata a visitare la Cappella degli Scrovegni, uno dei capolavori di Giotto. Aveva subito un restauro qualche anno fa ed ero curiosa di vedere il risultato. Sono rimasta strabiliata, e tornata a Roma ho cominciato a ipotizzare un racconto ambientato proprio agli Scrovegni. Una sorta di omaggio alla mia città.

Hai svolto delle ricerche prima di dedicarti alla scrittura del testo?
Era indispensabile. Da qualche tempo mi frullava per la mente l’idea di un racconto “demoniaco” e la sfida di poterlo ambientare agli Scrovegni mi stuzzicava. Ho fatto parecchie ricerche sulla storia della Cappella e mi sono trovata immersa in un mare di notizie che sembravano perfette per il mio racconto. L’ipotizzata presenza di presunta porta in punto diverso da dove si trova quella attuale, la realizzazione di una visita guidata virtuale con… Beh, non posso andare oltre, svelerei troppo del mio racconto!

L’intera intervista la trovate qui.