Tag Archive | laboratorio di scrittura

“Punto, due punti, punto e virgola!”: Laboratorio di scrittura n. 2

Totò

 

Oggi, come ogni mercoledì, ho partecipato al laboratorio di scirttura, di cui avevo già parlato in un mio post precedente. Temo del giorno: i segni di interpunzione. Evito di elencarvi quali sono per non cadere nella macchietta dei grandi Totò e Peppino del celebre film.

Prima rivelazione del professore: “A scuola vi hanno insegnato che i segni di interpunzione servono a stabilire delle pause, più o meno lunghe a seconda del segno usato. Sbagliato.”
Sguardi dubbiosi lanciati in direzione della cattedra nell’attesa di scoprire quale verità si celi dietro la punteggiatura in un testo. Dopo una pausa da politico navigato, il professore continua: “Non servono a segnare una pausa, anzi, servono a legare i vari segmenti di una frase, di un discorso. Praticamente riempiono quegli spazi che, parlando normalmente, ognuno di noi lascia. Meglio ancora, servono a dare un senso e un’intonazione a ciò che scriviamo. Senza segni di interpunzione la frase suonerebbe piatta e incomprensibile.”

E voi, che rapporto avete con la punteggiatura? Conflittuale, come la maggior parte di chi si diletta a scrivere?

Laboratori di scrittura: diventerò Scrittore?

stampa.jpg

In questo periodo sto frequentando un “laboratorio di scrittura” presso l’Università La Sapienza di Roma. Esperienza interessante, soprattutto per chi, come me, aspira ad essere una imbrattacarte. Il corso è tenuto da un docente di storia della lingua italiana, il Prof. Giuseppe Patota, che sin dal primo incontro ci ha detto: “Considerate questo corso come una sorta di laboratorio artigianale dal quale sicuramente non uscirete come il nuovo Alessandro Manzoni. Il mio compito non è questo.”
Continua a leggere…